venerdì 13 aprile 2012

PANE AL MAIS DI ROSSELLA O'HARA

La prima volta che ho sentito parlare di questo pane, lo confesso, è stato nel libro Rossella il seguito del celebre Via col vento. Voi direte: che c'entra?? C'entra, c'entra perchè Rossella è cresciuta nel sud e uno dei piatti tipici del luogo è proprio il pane di granturco. Nelle pagine del libro ricordo di aver letto di questo particolare tipo di pane, della consistenza unica, del colore inconfondibile.. e mi sono incuriosita! Ho cercato qualche ricetta quà e là e infine sono riuscita a trovare quella che si addice di più ai miei gusti, così ogni tanto preparo questo pane solo per me, per viziarmi un pò.
Da un punto di vista pratico tra l'altro, è un ottimo modo per utilizzare della farina di mais rimasta, o di rendere speciale un pane classico. La sua tipica forma a focaccina inoltre è molto simpatica e facilissima da realizzare.
Se siete amanti della polenta, quella vera realizzata con le farine grossa e fine, sicuramente ne avrete un pò in casa. Io di solito arrivo intorno a questo periodo dell'anno con degli avanzi di farina e quando il caldo comincia ad imperversare, la voglia di polenta proprio mi passa. Bene, e allora che fare? La risposta è scontata: il pane al mais!
Anche questa variante di pane è decisamente economica, ma in qualche modo originale e diversa dal solito. Tenete presente che un pacco di farina di mais da 1 kg costa circa 60 cent e per questa ricetta ne servono solo 150 g!
PANE AL MAIS O PANE DI GRANTURCO:
500 g. farina bianca 00
150 g. farina di mais (fine o grossa o media)
1 bustina di lievito di birra secco o un panetto fresco
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaio di sale raso
50 g. di latte
300 g. di acqua
Per prima cosa mettete la farina di mais in una ciotola con il latte tiepido e una parte dell'acqua, anch'essa tiepida. Lasciate in ammollo per un'ora, la farina deve prendere consistenza e diventare una pappina morbida.
Poi in una ciotola capiente o su un tagliere mettete la farina bianca a fontana, aggiungete quella di mais, l'olio, il sale, lo zucchero e il lievito e impastate con le mani. Aggiungete l'acqua tiepida e amalgamate bene tutti gli ingredienti. Sentirete con le dita i granelli della farina di mais che rendono l'impasto unico e compatto.
Mettete il composto in una teglia grande, in modo che abbia spazio per lievitare, leggermente unta sul fondo con l'olio, coprite tutto con un pò di pellicola trasparente e un canovaccio pulito e mettetelo nel forno tiepido ma spento.
Lasciate lievitare per un'ora e mezza.
Riprendete l'impasto e lavoratelo ancora un pò dandogli la forma che desiderate. Io come al solito faccio delle pagnottine ma potete anche realizzare una pagnotta unica. Mettete le pagnottine su una teglia ricoperta di carta da forno, copritela con un canovaccio pulito e un telo di plastica in modo che non passi l'aria (io uso un sacchetto della spazzatura tagliato a metà ovviamente pulito) e lasciate lievitare un'altra mezz'ora.
Accendete il forno a 180° e cuocete le pagnottine fino a che non diventeranno di un bel colore dorato o a seconda dei vostri gusti.
Questo tipo di pane potrebbe non piacere a tutti ma personalmente lo trovo molto saporito e cosa più importante, sostanzioso. La spesa è davvero minima e la fatica anche, se escludiamo i tempi di lievitazione.. In fondo quando lo mangio mi sento un pò Rossella O'Hara.. :)