venerdì 16 ottobre 2015

MARMELLATA DI PERE

A volte basta davvero poco per farmi felice. Qualche giorno fa mia suocera mi ha dato 2 chili di pere che stavano maturando troppo in fretta e che sapeva di non riuscire a smaltire in tempo. Siccome sa che adoro cucinare ha pensato che io avrei trovato il modo per consumarle e ovviamente io ci ho fatto la marmellata!!! Non avevo mai assaggiato quella di pere e devo dire che è davvero una delle più buone mai mangiate. Io la consumo spalmata sui biscotti a fine pranzo, per chiudere con dolcezza il pasto ma penso che presto la proverò anche come farcia per la crostata.
Io ho usato metà pere Williams e metà pere Abate, se decidete di farla ricordatevi di usare della frutta buona e non troppo matura. In questa ricetta ci sono anche due mele verdi, per aggiungere un pò di pectina al composto e il succo di limone per mantenere intatto il colore della frutta.
Procedete come al solito sterilizzando barattoli e tappi e una volta invasata lasciatela a testa in giù per creare il sottovuoto. Se questo non dovesse venire con questa tecnica fate bollire i vasetti pieni in acqua per 30 minuti circa e lasciateli raffreddare dentro la pentola.





MARMELLATA DI PERE

- 2 chili di pere mature
- 400 g. zucchero
- il succo di 1 limone
- 2 mele verdi

Pelate e tagliate a pezzi la frutta poi pesatela. Le dosi indicate sono relative alle pere prive di buccia e torsolo.
Aggiungete mezzo bicchiere d'acqua, il succo di limone e fate cuocere per 1 ora in una pentola capiente con coperchio a fuoco molto dolce.
Trascorso questo periodo spegnete il fornello per qualche minuto e frullate il composto con un frullatore ad immersione, poi rimettete a cuocere la marmellata chiudendola con il coperchio senza sigillarla del tutto.
Aggiungete lo zucchero, mescolate bene e continuate a cuocere per circa 1 ora e mezza o fino a quando la marmellata sarà pronta. Fate la prova del piattino per verificare la consistenza del composto.
Quando sarà pronta invasatela ancora calda, chiudete bene i barattoli e lasciateli a testa in giù fino a quando non saranno freddi.