mercoledì 23 gennaio 2013

RISOTTO ALLO ZENZERO

Continuano gli esperimenti a base di spezie e per la precisione a base di zenzero. Ieri ho elencato tutte le qualità e tutti gli aspetti curativi di questa radice tipica delle zone tropicali e oggi voglio continuare con una nuova ricetta che penso piacerà a tutti.
Ammetto che visto così in foto non sembra granchè, parrebbe più che altro un risotto in bianco, al massimo con un pò di brodo ma vi assicuro che non è così.
Il risotto allo zenzero ha un sapore deciso e gustoso, più forte dei bocconcini di pollo di cui ho parlato ieri, forse anche per l'aggiunta del brodo e del vino, o forse perchè mangiandolo solo io ho deciso di abbondare un pò di più con lo zenzero a fine cottura, non saprei. Ad ogni modo per renderlo più delicato basterà sostituire il brodo con un pò d'acqua calda e il gioco è fatto. Se invece siete amanti dei gusti decisi e dei piatti di carattere, allora fatevi sotto.

RISOTTO ALLO ZENZERO

Riso (quello che volete e delle quantità che volete. La mia dose è di 70 g. a testa)
Vino secco bianco (ad occhio circa mezzo bicchiere)
Cipolla (anche questa ad occhio, io uso la surgelata)
Brodo ( io l'ho fatto con il dado ma se ne avete di fresco va benissimo)
Zenzero fresco (1 cm circa)


Prendiamo una padella e facciamo scaldare l'olio, poi mettiamo la cipolla a dorare per un paio di minuti e aggiungiamo il riso. Lasciamolo tostare per un minuto circa poi versiamo il vino e lasciamo evaporare. A questo punto decidete se aggiungere del brodo precedentemente preparato facendo sciogliere un dado in un litro d'acqua oppure semplicemente un bicchiere d'acqua calda.
Fate cuocere per una decina di minuti a fiamma bassa con coperchio in modo che il riso assorba bene l'acqua e controllate che ve ne sia a sufficienza. Se dovesse scarseggiare mentre il riso è ancora crudo aggiungetene di calda.
Quando il risotto è pronto alzate la fiamma per far asciugare il brodino e grattuggiate sopra lo zenzero fresco. Mescolate e servite.
La ricetta prevedeva anche un pò di parmiggiano reggiano a fine cottura ma secondo me è già buono così.
Neanche a dirlo si tratta di un piatto buonissimo, che fa bene sia per la presenza dello zenzero che del riso, è estremamente digeribile perchè lo zenzero aiuta molto nel processo digestivo ed è altamente curativo per stomaco e intestino. Inoltre è un piatto economico e velocissimo, nonchè vegetariano.
Non so se avete notato che in questo piatto non è presente il sale. Essendo già molto saporito grazie al brodo, al vino e allo zenzero non c'è bisogno di aggiungere altro quindi anche per chi soffre di ipertensione e deve stare attento al sale, questo risotto è l'ideale.
Insomma non avete scuse per non provarlo!