sabato 3 novembre 2012

PANE NERO O AI 7 CEREALI

Pane pane pane, cosa c'è di più buono e delizioso del pane fatto in casa? Si lo so, molte di voi non hanno il tempo per prepararlo e lo capisco, ma per le casalinghe che vogliono cimentarsi in questa avventura culinaria posso garantire non solo che non si tratta di una ricetta impossibile da preparare, ma soprattutto che ne vale la pena.
Ho già pubblicato la ricetta del pane bianco con farina manitoba che di solito non manca mai nel mio frigo e anche quella del pane al mais fatto con la farina di mais della polenta. Oggi voglio pubblicare una ricetta che in realtà ricetta non è perchè mi sono limitata ad acquistare il preparato e a seguire le istruzioni. Si tratta del pane nero, o ai 7 cereali.
Preciso subito che si tratta di un tipo di pane che potrebbe non piacere a tutti, dipende molto dai gusti. Per i tradizionalisti forse non è adatto ma per chi ha voglia di sperimentare gusti diversi secondo me vale la pena provarlo.
La lavorazione è molto più semplice del classico pane con le 2 o 3 farine perchè in questo caso abbiamo un preparato unico. Sinceramente non so come si possa realizzare senza usare il preparato, so solo che ci sono 7 cereali e che il sapore mi è piaciuto molto.

PANE NERO O AI 7 CEREALI

Per mezzo chilo di pane.

500 g. di preparato per pane nero
2 cucchiai d'olio evo
1 bustina di lievito di birra secco
280 g. d'acqua tiepida

Mettere il preparato in una ciotola con il lievito e l'olio e mescolate con le mani. Poi aggiungete lentamente l'acqua tiepida e impastate fino ad ottenere una palla non troppo appiccicosa.
Chiudete la ciotola con un pò di pellicola trasparente e copritela con un canovaccio pulito. Lasciate lievitare 15 minuti, dopodiché riprendete l'impasto e date la forma desiderata. Se volete delle piccole pagnottine usate gli stampini usa e getta in alluminio da muffin bene oliati, altrimenti vi consiglio di utilizzare la clssica teglia grande ricoperta di carta da forno, oliata alla base.
Lasciate lievitare 3 ore in luogo tiepido coprendo le pagnotte con un canovaccio finchè non triplicano il loro volume. Per qusto motivo non riempite troppo gli stampini.
Cuocete in forno caldo. Sulla confezione c'è scritto di cuocere per 20 minuti a 200° ma siccome io non amo la crosta ho cotto a 150° finchè il profumo non è uscito dal forno. Si lo so che è un'indicazione approssimativa ma nel mio caso mi sono resa conto che quasi sempre funziona.
Se avete usato gli stampini, a questo punto togliete i pani dagli stampi e rimetteteli dentro a forno spento 10 minuti in modo che anche le basi delle pagnottine si cuociano per bene.
Inutile dire che anche questo tipo di pane si presta benissimo al congelamento in freezer.