mercoledì 25 marzo 2015

SCHIACCIATINE DI MERLUZZO E CECI

Finalmente siamo arrivati al momento in cui la piccola di casa può già mangiare le cose che mangiamo noi. Niente più pappine dall'aspetto ambiguo quindi, ma un primo, un secondo, un contorno e la frutta.
Se io credevo di facilitarmi la vita preparando un menù unico... mi sbagliavo di grosso! Non solo sto cercando di studiare un regime alimentare il più vario possibile per lei, ma sto anche cercando di mettere d'accordo i gusti di tutti, il ché è praticamente impossibile!
Ieri sera ho provato questa ricetta facile facile dalla doppia variante: con e senza ceci.
La verità è che li avevo già bolliti in frigorifero da un paio di giorni e dovevo riuscire ad infilarli dentro al menù per non sprecarli, quindi li ho messi nelle schiacciatine. Ovviamente la primogenita non ne voleva sapere di mangiarli quindi ho realizzato una versione "ceci free" solo per lei (anzi in realtà se l'è preparata da sola con le sue manine e alla fine si è pure leccata i baffi...) ma sarà oggetto di un prossimo post.
Io ho usato il merluzzo surgelato che avevo in freezer ma va bene qualunque tipo di pesce vogliate usare. Idem per le erbe aromatiche.
Essendo anche per la piccola non ho messo sale ma devo dire che alla fine non risultavano affatto insipide. Forse erano un pò stoppose per via dei ceci, magari la quantità sarebbe da ridurre, bisognerebbe provare. Io ne ho usati 100 g. perchè li avevo già pronti ma forse con 70 g. vengono più morbide.

SCHIACCIATINE DI MERLUZZO E CECI

- 200 g. di merluzzo (io surgelato)
- 100 g. ceci
- un terzo di cipolla piccola
- una carota
- timo q.b.
- pangrattato q.b.

Scongelare il pesce a temperatura ambiente e cuocerlo a vapore. Lasciarlo raffreddare.
Cuocere la carota (ed eventualmente anche i ceci se non usate quelli in barattolo, altrimenti sciacquateli sotto l'acqua corrente)
Mettere i ceci nel mixer e frullare bene. Aggiungere il pesce e frullare di nuovo per amalgamare bene. Aggiungere la carota, la cipolla e il timo e frullare ancora.
Formare con le mani delle palline più o meno grandi (a seconda dei gusti) e schiacciarle con i palmi. Se dovesse risultare troppo appiccicoso l'impasto aggiungere pangrattato.
Cuocere a 200° per circa 15 minuti o fino a doratura.